Frijole e licoli

Anche quest’anno è arrivato il carnevale e ovviamente noi lo boicottiamo alla grande 🙂

Ma non posso rinunciare alle Frijole, dolce tipico che si fa in Sardegna in questo periodo. L’anno scorso ho provato a farle, ed ero soddisfatta ma quest’anno in maniera del tutto inaspettata sono entusiasta del risultato. Ho preparato l’impasto utilizzando il LiCoLi (lievito in coltura liquida), non avevo grandi aspettative e invece… una bomba.
Il tutto fatto lunedì sera prima di andare a dormire, farina 1, limone, liquore al finocchietto, acqua e licoli. Martedì sera la massa era ben lievitata e così via in una bella frittura in olio extravergine d’oliva.

Ovviamente non sono venute bellissime come le fa mia mamma, che devo ancora capire come riesca a gestire un impasto semiliquido con le mani (lei le fa con il buco come se fosse una ciambella io le ho fatte lunghe) ma temo che questo rimarrà un mistero della fisica 🙂

frijole

La ricetta molto approssimativa:

700gr di farina 1
1 limone grattugiato
2 cucchiai di liquore al finocchietto
2 cucchiai di LiCoLi
Acqua a occhio, la massa deve essere molto molto morbida
Si unisce il tutto “sbattendo” l’impasto da sotto a sopra per fare incorporare piĂą aria possibile.
Coprire con un telo e lasciare a lievitare per 24 ore*

*io all’ora di pranzo ho dato un’altra impastata
(è molto terapeutico il tutto, scarichi un po’ di tensioni maltrattando la massa 🙂 )

Annunci

Calzoncini per augurarsi Buone Feste!!!

Stare in una Cucina su DueMari vuol dire anche doppi pranzi o doppie cene!

Ed eccoci così alla doppia cena di Natale 2013!

Domani partiamo per l’altro mare e stamattina abbiamo preparato qualcosina per la nostra cena di Natale in Famiglia (anticipata al 22).

DueMari e DueCucine vogliono dire anche DueCuochi: e così lo scontro/incontro è garantito!
Stamattina ci siamo detti: “cuciniamo qualcosa per il viaggio di domani e non lasciamo avanzi in frigo”. E fin qui tutto bene…

Un’idea che mi passava da tempo nella testa era di fare dei minicalzoncini dentro gli stampi dei Muffin. Così, con poco tatto, mi sono intrufolata tra il matterello e il piano d’impasto di Gianluca, scatenando la sua “permalosità” per avergli sconvolto la sua ricetta “tradizionale” di calzone con le verdure avanzate (bietole, cavolo cappuccio e cipolla).

Ed ecco lo scontro/incontro: dopo un’ora di abbandono della massa, lasciata a riposare in attesa dell’inevitabile compromesso, la soluzione è stata trovata: “facciamo il calzone per domani e 6 minicalzoncini per la cena di stasera…”

Nella nostra cucina su DueMari, noi Cuochi permalosi troviamo sempre il modo di venirci incontro!!

Buone Feste Amici e Amiche.

Mangiate e Bevete cose buone queste vacanze!

L. e G.

Ecco la nostra ricetta:

La massa

500gr di farina (scegliete voi il mix, in questo caso noi abbiamo unito 250gr di farina d’avena e 250gr di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli)

300gr di Birra Peroni (continuiamo a non avere il vino)

100gr di Olio EVO

Una spolverata di curcuma (a gradire!)

Sale qb

Il ripieno

Bietole, cavolo cappuccio, cipolla, pecorino sardo di Pattada, ricotta dura. Tutto rigorosamente “avanzato” nel frigo di casa dalla spesa di questi giorni!

Stufate tutte le verdure insieme e aggiungete i formaggi alla fine.

Ultima scoperta!

Scoperta degli ultimi mesi i Muffin salati super facili da fare, collaudati sia in terra pugliese che sarda.

Ci piacciono le cose buone che puoi arricchire con altre cose buone

…la Bontà fatta a matriosca

tumblr_mn5mlsn0em1s2k9z1o1_500

300gr di farina 0 (oppure 00 oppure quella che ho in casa purchè sia buona)

140gr di acqua

15gr di lievito di birra

10gr di sale

10gr di olio EVO

10gr di zucchero

lievitazione di 2 ore circa

200° per 20 minuti

12 muffin oppure 6 molto grandi!!!